Google degrada i contenuti diffamatori sulla rete di ricerca

Posted by
0
(0)

“In risposta agli articoli del Times, il gigante della ricerca sta cambiando il suo algoritmo, parte di un importante cambiamento nel modo in cui Google controlla i contenuti dannosi”, ha affermato il New York Times nel suo articolo “ Google Cerca di rompere il circolo vizioso della calunnia online “, pubblicato giovedì.

Con quello che chiamiamo “algoritmo dei siti predatori”, l’azienda sta cercando di apportare “miglioramenti di classificazione per migliorare le nostre protezioni contro questi tipi di siti di sfruttamento”, ci ha detto un portavoce di Google, aggiungendo che “Noi cercherà anche di espandersi a protezioni più ampie al di là delle vittime note”.

Siti diffamatori. Il New York Times ha specificato alcuni esempi dei tipi di siti che Google sta cercando di deprecare nei risultati per le query sui nomi: “La società prevede di modificare il suo algoritmo di ricerca per impedire ai siti web, che operano sotto domini come BadGirlReport.date e PredatorsAlert.us, dall’apparire nell’elenco dei risultati quando qualcuno cerca il nome di una persona”, hanno scritto Kashmir Hill e Daisuke Wakabayashi.

Gli algoritmi di Google continuano ad evolversi. Google ci ha detto che ha già implementato modifiche ai suoi algoritmi, ma prevede di continuare ad apportare modifiche per catturare i siti di sfruttamento.

“Abbiamo messo in atto una politica per questi siti per un certo numero di anni e un segnale di retrocessione basato su rimozioni di pagine valide ai sensi di questa politica”, ci ha detto un portavoce, “Anche se questo ha funzionato bene nella maggior parte dei casi per offrire ricorso alle vittime di questo contenuto offensivo, il rapporto del Times ha evidenziato alcuni limiti di tale approccio, in particolare in relazione alle molestie senza precedenti e implacabili che hanno evidenziato”. Puoi leggere di più su queste norme su il blog di Google .

Google ci ha detto che l’azienda ha “già apportato miglioramenti ai nostri segnali di retrocessione esistenti, e quindi stiamo anche espandendo le protezioni per affrontare i problemi che riguardano quelle che consideriamo ‘vittime note'”. Questo mira a indirizzare le query e siti web specifici per le persone che hanno richiesto la rimozione da siti con pratiche predatorie. Google ha affermato che “applica automaticamente protezioni di ranking che cercano di impedire che i contenuti di siti simili di bassa qualità vengano visualizzati per le ricerche di nomi”.

L’approccio ampio di Google. Google non sta affrontando questo problema uno per uno, giocando a whack-a-mole quando vengono visualizzati nuovi siti. Invece, cerca modi per apportare ampi miglioramenti algoritmici. La capacità del motore di ricerca di affrontare questi tipi di problemi è migliorata nel corso degli anni, il che potrebbe consentirgli di adottare un approccio più sfumato per affrontare tipi specifici di query, in questo caso le query sui nomi.

Funziona? Puoi vedere gli sforzi di Google su siti di attacco alla reputazione che non si classificano altrettanto come in passato. Chris Silver Smith , che ha lavorato per anni nel settore della gestione della reputazione, ha condiviso esempi di siti come Ripoff Report, Pissed Consumer e Complaints Board che hanno meno visibilità in Ricerca Google.

Altro a venire. Google continuerà a migliorare questi algoritmi e dovresti vedere meno siti Web di sfruttamento o predatori che emergono nei risultati della Ricerca Google per le query sui nomi. Ma, come qualsiasi cosa nella ricerca, alcuni siti troveranno metodi attorno agli attuali algoritmi e Google dovrà affrontare tali soluzioni alternative con algoritmi di ricerca preventiva nuovi e migliorati.

Perché ci interessa. Se ti trovi nello spazio di gestione della reputazione online, questi algoritmi possono aiutarti ad aiutare i tuoi clienti con i loro problemi di reputazione in Ricerca Google. Se ti occupi di pubblicare contenuti di sfruttamento o predatori sul Web, si spera che questo danneggi il tuo modello di business in futuro.

Google ci ha mostrato nel corso degli anni che continua a cercare di far emergere contenuti di qualità migliorando i suoi algoritmi di ricerca. Si tratta solo di documentare un’area specifica in cui Google sta applicando questo approccio.

Poscritto. Pandu Nayak di Google Google più tardi oggi ha scritto un post sul blog su questa notizia dicendo “un’area su cui vorremmo far luce è come bilanciare l’ottimizzazione dell’accesso alle informazioni con la responsabilità di proteggere le persone dalle molestie online”.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca le stelle per lasciare la tua valutazione

Rating 0 / 5. Voti 0

Nessun voto al momento, valuta l'articolo per primo!